Le macchine per scrivere usate dalle SS

A qualsiasi collezionista sarà capitato, negli anni, di vedere in un mercatino oppure su un sito di vendite delle macchine per scrivere riportanti il simbolo caratteristico, e pure un pò inquietante, della doppia Sig rune, più comunemente riconosciute come macchine delle SS tedesche. Sappiamo che in giro ci sono macchine originali con tale simbolo, ma anche tante copie e contraffazioni. Quindi, occorre attenzione. Nel seguente articolo, dell’esperto Francesco J. Cipolloni e del socio Alessandro Marenghi, viene affrontato l’argomento con mero scopo storiografico-informativo. (Introduzione di Cristiano Riciputi, articolo completo e tutte le foto sul Bollettino COMPU n° 69)

Le SS (Schutz-Staffeln, cioè Squadre di protezione) erano un corpo paramilitare fondato nel 1925 per sorvegliare i raduni del partito nazionalsocialista e come guardia personale di Adolf Hitler.
La grande espansione del corpo si ebbe nel 1932 e alla fine del 1933 quando le SS contarono un numero di 209.000 membri. Sempre in questi anni furono fondate le Waffen-SS, una forza armata che combatteva a fianco della Wehrmacht.

Uno strumento fondamentale per la creazioni di documenti ufficiali durante la seconda guerra mondiale è senz’altro la macchina da scrivere e anche le Schutz-Staffeln ne erano dotate.
Le macchine da scrivere delle SS avevano un tipico tasto che permetteva la battitura del loro simbolo, la doppia Sig rune (presa singolarmente la runa ha il significato di “Vittoria”), che in mancanza di una macchina dotata di tale tasto veniva semplicemente battuta con una doppia “S”(come si evince dalle foto di documenti originali).
Durante il periodo del Terzo Reich, per le macchine da scrivere destinate alle SS, la sostituzione del carattere speciale sul tasto e quella del martelletto corrispondente nel cinematico, anche se si trattava di una operazione non complessa, aveva un costo piuttosto alto probabilmente dovuto alle successive operazioni di riallineamento.
La modifica effettuata dopo la fabbricazione riguardava prevalentemente macchine per uso ministeriale.

Esisteva una macchina detta di reparto ovvero assegnata per la missione e successivamente doveva essere riconsegnata a fine incarico.
Questa nasceva con il tasto runico montato in fase di assemblaggio, si tratta della Olympia modello Robust, una macchina per scrivere da campo.

Di questo strumento ne esistono due versioni, una in alluminio pressofuso e l’altra in lamierino blindato.
Queste macchine venivano costruite dalla Olympia Büromaschinenwerke A.G. Erfurt (dal 1948 Olympia Werke, Wilhelmshaven, Germany ) esclusivamente per i reparti Waffen SS ed erano dotate di runen taste come secondo carattere sopra al 5.
Solo pochissimi esemplari uscivano dalla fabbrica senza il tasto con carattere speciale. La maggior parte delle macchine di questo tipo furono oggetto di modifiche nel dopoguerra per poterle utilizzare come strumenti di scrittura civili quindi con carattere speciale e martelletto rimosso. Rarissima è la cassa da campo. Tecnicamente, telaio a parte, non ha nulla di particolare, il cinematico è quello standard ,usato anche su altri modelli, come anche il carrello e le manopole in bachelite. La battitura risulta secca e precisa nonostante il sistema a tiranti invece che ad ingranaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *